Pet: un rivestimento polimerico

Pet un rivestimento polimerico3

Parliamo del PET, un materiale green e riciclabile al 100%, innovativo che ha rivoluzionato il design in cucina e che persegue i principi di ecosostenibilità. A qualcuno, potrebbe suonare singolare vedere il suo utilizzo anche nella realizzazione di mobili.

In effetti, si è soliti trovare il PET in campo medico e alimentare, nello specifico per la produzione di bottiglie e contenitori.

Negli ultimi anni, invece, complice la voglia di trovare materiali eco compatibili anche per tutto ciò che riguarda la casa,  è diventato un ottima alternativa ai più comuni prodotti in commercio ed è, ormai, apprezzato sia per le sue qualità estetiche che per le alte prestazioni tecniche.

Cos’e il PET?

PET è l’acronimo di polietilene tereftalato ed è un rivestimento polimerico, quindi sintetico, adatto ad essere impiegato anche come rivestimento di mobili e arredi.

Rispetta l’ambiente, è ecologico e riciclabile.

Il suo smaltimento, infatti, non provoca emissioni nocive nell’aria, se non minime percentuali di acqua, ossigeno e anidride carbonica. Inoltre, durante le fasi di recupero della materia prima, non vengono variate le sue proprietà fondamentali ed è quindi possibile riciclarla più e più volte.

Tutte qualità che lo rendono molto competitivo! Ma vediamo nello specifico quali possono essere i vantaggi di averlo in cucina.

Perché scegliere una cucina in PET?

Da qualche tempo a questa parte si è certamente più attenti ai temi che riguardano la tutela ambientale, tanto da preferire molto spesso rivestimenti ecologici, anche per arredi e oggettistica.

E’ una tendenza che cela una vera innovazione sia dal punto di vista produttivo, per l’uso di nuove tecnologie che garantiscono eccellenti prestazioni, e sia culturale, per la sensibilizzazione che ha portato il suo impiego anche nello spazio dedicato alla preparazione dei cibi.

Pet un rivestimento polimerico2
Cucine Infinity – Stosa

Le cucine componibili in PET sono adatte a chi è alla ricerca di una soluzione originale, pratica e raffinata, a prezzi contenuti.

Cominciamo con il dire che è un prodotto più costoso del classico laminato ma comunque molto competitivo, con un ottimo rapporto qualità/prezzo, se si pensa alle incredibili caratteristiche.

Una fra tutte? la sua assoluta igienicità. Il PET, infatti, trova impiego in campo medico, alimentare e farmacologico, oltre che nel settore dell’arredamento.

Per questo, è particolarmente indicato per essere posto a contatto con gli alimenti e si presta ad essere lavato spesso e con continuità.

E’ un materiale resistente, anche al calore, impermeabile all’acqua e decisamente pratico. Viene utilizzato solitamente come finitura per ante e basi e tollera bene i graffi, le macchie e la luce solare.

Grazie all’utilizzo di nanotecnologie è possibile ottenere una superficie molto performante di diversi spessori, perfetta per essere sottoposta a continue sollecitazioni.

E’ un fattore da considerare nel caso si stesse cercando una cucina da utilizzare molto, con una manutenzione piuttosto bassa.

Un altro aspetto peculiare è la sua versatilità estetica che lo rende il materiale ideale per dar vita ad un effetto delicato ed elegante.

E’ possibile scegliere tra una finitura lucida oppure opaca, particolarmente adatta a chi vuole sentire una sensazione morbida e setosa al tatto, davvero molto piacevole.

Le tonalità disponibili variano da azienda ad azienda e spaziano da colori monocromatici a un design materico, come il legno o marmo.

I motivi per scegliere una cucina in PET, quindi, sono davvero moltissimi!

Pet un rivestimento polimerico1
Cucine Infinity – Stosa

Come pulire le ante in PET?

Avere una finitura in PET in cucina è sicuramente sinonimo di grande praticità, anche dal punto di vista della pulizia.

Questo si traduce in una facile manutenzione nel tempo e una facilità di uso nelle faccende quotidiane.

E’ consigliabile utilizzare prodotti di uso comune, facendo attenzione ad eliminare eventuali liquidi potenzialmente corrosivi.

In generale si può utilizzare un panno morbido e un detergente neutro che andrà riscicquato con cura.

Evitare l’uso di prodotti aggressivi, spugnette abrasive e detergenti contenenti cloro e candeggina.

Benchè abbia una buona resistenza al calore, è sempre bene non mettere a stretto contatto, per un tempo prolungato, le superfici in PET a fonti di calore ad alte temperature. 

 

Se volete rimanere sempre aggiornati con le ultime novità, date un’occhiata al blog di Stosa Store Firenze:

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media

Categorie

Articoli Recenti

Rimani Aggiornato

Iscriviti alla nostra Newsletter

Non inviamo spam, puoi disiscriverti quando vuoi.

Correlati

Potrebbe interessarti anche ...

tipologie di piano cottura

Tipologia di piano cottura

Scegliere la tipologia di piano cottura per la cucina potrebbe rivelarsi piuttosto impegnativo, sopratutto pensando a quante opzioni il mercato offre. Dal piano a induzione

Il-legno-massello1

Il legno massello

Inutile dire che il legno massello custodisce da sempre un fascino unico e intramontabile, in grado di adattarsi perfettamente a tutti gli stili di casa,